Università degli Studi di Napoli Federico II


Scuola di Specializzazione in

Medicina Nucleare

PREMESSE

La Scuola di Specializzazione in Medicina Nucleare è stata istituita presso l'Università di Napoli "Federico II" (presso l'allora Seconda Facoltà di Medicina e Chirurgia) nell'anno accademico 1984/1985 e fondata dal Prof. Marco Salvatore, ordinario di Diagnostica per Immagini e Radioterapia della stessa Università. In seguito con il Decreto Direttoriale del 12/12/2008 il MIUR ha inserito la Scuola di Specializzazione in Medicina Nucleare tra le Scuole di Area Medica, Area Servizi Clinici, Sotto-Area dei Servizi Clinici Diagnostici e Terapeutici, Classe della diagnostica per immagini e radioterapia. La Scuola di Specializzazione in Medicina Nucleare è ora diretta dal Prof. Alberto Cuocolo, professore ordinario di Diagnostica per Immagini e Radioterapia della Università degli Studi di Napoli "Federico II", ed è incardinata, ai sensi della Legge 240/2010, nel Dipartimento di Scienze Biomediche Avanzate della Università degli Studi "Federico II" (http://scienzebiomedicheavanzate.dip.unina.it). La durata del corso di specializzazione è di cinque anni. Dal 2003 la Scuola è accreditata dalla Section of Nuclear Medicine of the European Union of Medical Specialists (UEMS) and European Board of Nuclear Medicine (EBNM) come Nuclear Medicine Training Center. Dall'anno accademico 2009/2010 per la Scuola di Specializzazione in Medicina Nucleare la Seconda Università degli Studi di Napoli è sede aggregata all'Università di Napoli "Federico II" (sede amministrativa).

OBIETTIVI GENERALI

La Scuola di Specializzazione ha lo scopo di formare medici specialisti nel settore professionale della Medicina Nucleare e di fornire le competenze professionali necessarie all'impiego in vivo e in vitro di sorgenti radioattive o di composti marcati con radionuclidi, a fini diagnostici, terapeutici e di prevenzione delle malattie. Lo specialista in Medicina Nucleare deve aver maturato conoscenze in diagnostica in vivo e in vitro con traccianti radioattivi e di una sezione di terapia radio-metabolica eventualmente integrata in una sezione di brachiterapia per pazienti in degenza. Al fine di raggiungere gli obiettivi didattici del corso, le attività formative si articolano in attività eminentemente pratiche, in attività didattiche frontali (lezioni, seminari, attività a piccoli gruppi) e in studio autonomo. Durante il percorso formativo lo specializzando partecipa all'esecuzione delle procedure diagnostiche e terapeutiche in modo da soddisfare gli obiettivi didattici quantitativi come da indicazioni ministeriali. Particolare attenzione è posta all'acquisizione di competenze d'imaging integrato morfologico e funzionale dei diversi organi e apparati corporei. Sono inoltre incoraggiate le partecipazioni ad attività formative in strutture sia della rete regionale sia in sedi esterne, anche all'estero, in modo da poter acquisire esperienze relative non solo agli aspetti diagnostici ma anche a quelli di tipo organizzativo.

OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI

Lo specializzando deve acquisire: le conoscenze essenziali che derivano dalle scienze di base, sottese a tutte le diverse articolazioni dei percorsi formativi e indispensabili per la conoscenza delle apparecchiature e per la corretta applicazione delle procedure e delle metodiche; le conoscenze fondamentali di biologia molecolare e genetica, le conoscenze avanzate sui meccanismi fisiopatologici delle malattie dei diversi organi apparati e della relativa semeiologia di diagnostica per immagini. Deve quindi acquisire conoscenze specifiche sui percorsi diagnostici in modo da potere esercitare in modo ottimale le corrette possibilità diagnostiche, interventistiche o terapeutiche, anche nel rispetto delle vigenti normative in campo radioprotezionistico, valutandone rischi, costi e benefici. Lo specializzando deve acquisire la capacità di comunicare con chiarezza e umanità con il paziente e con i familiari, nonché la capacità di collaborare costruttivamente con i colleghi clinici e con i colleghi di reparto e con le altre figure professionali dell'area radiologica. Durante il percorso formativo è posta attenzione alla partecipazione ad attività scientifiche, alla preparazione e presentazione di casi clinici, di presentazioni seminariali. Al fine di raggiungere gli obiettivi didattici del corso, le attività formative si articolano in attività pratiche, in attività didattiche frontali (lezioni, seminari, attività a piccoli gruppi) e in studio autonomo. Sono agevolate le partecipazioni ad attività formative extramoenia e le attività pratiche in strutture sia della rete formativa sia extrarete.

ORDINAMENTO

L'ordinamento della Scuola di Specializzazione in Medicina Nucleare prevede la seguente articolazione in Crediti Formativi Universitari (CFU):

ATTIVITA' FORMATIVE

Attività formative

Ambiti disciplinari

CFU

Tot. CFU

Di base

DISCIPLINE GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLO SPECIALISTA

 

5

Caratterizzanti

TRONCO COMUNE

81

270

 

DISCIPLINE SPECIFICHE DELLA TIPOLOGIA MEDICINA NUCLEARE

189

Affini o integrative

INFORMATICA, STATISTICA BIOMEDICA

 

5

Per la prova finale

 

 

15

Altre

ULTERIORI CONOSCENZE LINGUISTICHE, ABILITÀ INFORMATICHE E RELAZIONALI

 

5

TOTALE

 

 

300

 

STRUTTURE DI SEDE

La didattica e le attività professionalizzanti sono svolte in diverse strutture facenti capo all'Azienda Ospedaliera Universitaria "Federico II" definite strutture di sede:

 

·         U.O.C. Medicina Nucleare e Medicina dello sport(Responsabile: Prof. Alberto Cuocolo)

o   U.O.S. Diagnostica medico-nucleare delle malattie infiammatorie e infettive (Responsabile: Prof. Luigi Celentano)

o   U.O.S. Diagnostica medico-nucleare oncologica (Responsabile: Prof.ssa Silvana Del Vecchio)

 

·         U.O.C. Diagnostica per Immagini e Radioterapia(Responsabile: Prof. Marco Salvatore)

o   U.O.S. Radiodiagnostica (Responsabile: Prof. Simone Maurea)

o   U.O.S. Radioterapia (Responsabile: Prof. Roberto Pacelli)

 

·         U.O.C. Neuroradiologia(Responsabile: Prof. Arturo Brunetti)

o   U.O.S. Diagnostica vascolare non invasiva (Responsabile: Prof. Leonardo Radice)

o   U.O.S. Neuroradiologia interventistica (Responsabile: Prof. Francesco Briganti)

 

·         P.I. Controllo di qualità delle apparecchiature di diagnostica per immagini e radioterapia(Responsabile: Prof. Giuseppe Roberti)

 

Oltre ai responsabili delle U.O.C. e delle U.O.S., il personale medico di ruolo universitario, CNR e Aziendale coinvolto nelle attività formative include:

Luigi Camera

Ricercatore Dip. Scienze Biomediche Avanzate

Ferdinando Caranci

Ricercatore Dip. Scienze Biomediche Avanzate

Eugenio Di Vaia

Ricercatore Dip. Scienze Biomediche Avanzate

Andrea Elefante

Ricercatore Dip. Scienze Biomediche Avanzate

Massimo Imbriaco

Ricercatore Dip. Scienze Biomediche Avanzate

Michele Klain

Ricercatore Dip. Scienze Biomediche Avanzate

Gianfranco Vallone

Ricercatore Dip. Scienze Biomediche Avanzate

Enrico Tedeschi

Ricercatore Dip. Scienze Biomediche Avanzate

 

 

Sabina Pappatà

Primo Ricercatore CNR - IBB

Mario Quarantelli

Primo Ricercatore CNR - IBB

Wanda Acampa

Ricercatore CNR - IBB

Walter Del Vecchio

Ricercatore CNR - IBB

Adele Ferro

Ricercatore CNR - IBB

Rosa Fonti

Ricercatore CNR - IBB

Pierpaolo Mainenti

Ricercatore CNR - IBB

Carmine Mollica

Ricercatore CNR - IBB

Laura Micol Pizzuti

Ricercatore CNR - IBB

Maurizio Romano

Ricercatore CNR - IBB

Mario Quarantelli

Ricercatore CNR - IBB

Barbara Salvatore

Ricercatore CNR - IBB

Cesare Sirignano

Ricercatore CNR - IBB

Raffaele Solla

Ricercatore CNR - IBB

Ernesto Soscia

Ricercatore CNR - IBB

Michele Amitrano

Dirigente Medico AOU Federico II

Riccardo Buonaiuto

Dirigente Medico AOU Federico II

Maria Grazia Caprio

Dirigente Medico a c. AOU Federico II

Alessandra D'Amico

Dirigente Medico a c. AOU Federico II

Patrizia D'Amico

Dirigente Biologo AOU Federico II

Annamaria De Luca

Dirigente Medico a c. AOU Federico II

Luigi Marotta

Dirigente Medico a c. AOU Federico II

Antonio Farella

Dirigente Medico AOU Federico II

Francesco Ginolfi

Dirigente Medico AOU Federico II

Pietro Gisonni

Dirigente Medico AOU Federico II

Ciro Gabriele Mainolfi

Dirigente Medico AOU Federico II

Michele Marzullo

Dirigente Medico AOU Federico II

Albina Riccardi

Dirigente Medico AOU Federico II

Giuseppe Trinchillo

Dirigente Medico AOU Federico II

Pietro Venetucci

Dirigente Medico AOU Federico II

Emilia Vergara

Dirigente Medico AOU Federico II

Antonio Volpe

Dirigente Medico AOU Federico II

 

 

L'Azienda Ospedaliera Universitaria "Federico II", in cui sono inserite le strutture di sedi, è dotata di pressoché tutte le specialità per cui, durante il percorso formativo, lo specializzando ha la possibilità di acquisire le competenze in ambito generale e specialistico (medicina nucleare generale, imaging funzionale, imaging cardiovascolare e oncologico, neuroimaging, imaging integrato, imaging molecolare e terapia radio-metabolica) previste dalle attività professionalizzanti della Scuola.

L'offerta formativa delle strutture di sede è completata da laboratori di ricerca di enti convenzionati collocati nell'ambito del campus della Scuola di Medicina dell'Università Federico II in particolare:

·         Sezione di Diagnostica per Immagini, Istituto di Biostrutture e Bioimmagini, Consiglio Nazionale delle Ricerche (Direttore Marcello Mancini), Via De Amicis 95, 80145 Napoli

·         Diagnostica per Immagini, CEINGE - Biotecnologie Avanzate (Presidente Franco Salvatore), Via Gaetano Salvatore 486, 80145, Napoli

RETE FORMATIVA EXTRASEDE

La Rete formativa extrasede è composta di strutture ad alta specialità sia in area ospedaliera sia in area territoriale:

·         Struttura Complessa di Medicina Nucleare, AO "San Giuseppe Moscati",Avellino (Direttore Dott. Paolo Miletto)

·         Struttura Complessa di Medicina Nucleare, AOU "San Giovanni di Dio e Ruggi D'Aragona",Salerno (Direttore Dott. Gustavo Casaburi)

·         Struttura Complessa di Medicina Nucleare, IRCCS "SDN Istituto di Ricerca Diagnostica e Nucleare",Napoli (Direttore Dott. Emanuele Nicolai)



Visualizza Docenti e Programmazione